El símbolo

El logo

Testi a cura di Orietta Pinessi

El significado de los colores

  • Chiesa della Santissima Trinità - Località Monte Trevasco, 24020 Parre BG

DSC_8804_panorama.jpg
DSC06814.JPG

La chiesa della SS. Trinità è situata nel comune di Parre, in val Seriana (provincia di Bergamo). Si erge sulla sommità del monte Cusen (“roccia” nel dialetto Gaì), a 762 metri di altitudine.

Storia

Il primo documento che attesta l'esistenza di questa chiesa fu redatto dal Vescovo Federico Cornar il 22 agosto 1565, in cui viene indicata la presenza sul territorio di una cappella della Trinità. Risulta infatti di quegli anni l'intervento di costruzione di una chiesa in luogo di una preesistente cappella del XIII secolo.

La presenza di un romito, persona dedita alla vita ritirata e solitaria[, permetterà nel tempo il buon mantenimento dei locali della chiesa.

Il campanile con le tre campane è del 1610 in pietra viva, mentre il loggiato in pietra di Sarnico è degli inizi del XVIII secolo, così come l'adiacente casa ora residenza del custode.

Descrizione

 

Porticato esterno lato est

 La chiesa, contrariamente alla maggior parte delle chiese, è rivolta a Nord-Est, in quanto la sua posizione arroccata su roccia non le ha permesso di essere rivolta ad est. Il porticato che la circonda è ricoperto dall'ala del tetto della chiesa stessa, ed è formato da 29 archetti in muratura sostenuti da colonnine poggianti su di un parapetto di cui ben 22 rivolte ad est e visibili dal fondo valle. L'interno è ad una sola navata, suddivisa da lesene in quattro campate coperte da voltini incrociati.

Tra la terza e la quarta campata, sul pavimento in cotto antico, si possono vedere due gradini della precedente chiesa cinquecentesca, tornati alla luce durante i lavori di restauro. La chiesa prevedeva tre porte, sopra la principale vi era la scritta Adorabitis Patrem sulle altre Et pax Christi exulter in cordibus vetris e Nolite contristate Spiritum Sanctum. Nel restauro, intercorso dal 1996 al 2000, ha permesso di riportare alla luce affreschi del XVI secolo, tra cui quello di San Lucio con una fetta di formaggio, una Madonna che allatta il Bambino ed una SS. Trinità

 

Madonna con Bambino nella chiesa della Santissima Trinità-Parre

Tra la terza e la quarta campata, sul pavimento in cotto antico, si possono vedere due gradini della precedente chiesa cinquecentesca, tornati alla luce durante i lavori di restauro. La chiesa prevedeva tre porte, sopra la principale vi era la scritta Adorabitis Patrem sulle altre Et pax Christi exulter in cordibus vetris e Nolite contristate Spiritum Sanctum. Nel restauro, intercorso dal 1996 al 2000, ha permesso di riportare alla luce affreschi del XVI secolo, tra cui quello di San Lucio con una fetta di formaggio, una Madonna che allatta il Bambino ed una SS. Trinità. Il presbiterio, sopraelevato di tre gradini e ristretto rispetto al resto della chiesa, ha il soffitto a botte; sull'arco riconoscibile la scena dell'Annunciazione, mentre sul lato a sinistra una Madonna col Bambino di rara bellezza.

El significado de los colores

20200514_114815.jpg
  • los  circulo:  símbolo perfecto de la totalidad, expresa plenitud, armonía, perfección.  Es una representación del tiempo, del día, del año, del universo, de la inmortalidad, de Dios.

  • los  cuadrado:  y el  símbolo de la materia, de la realidad terrena, de nuestra humanidad. La relación cielo-tierra se representa en la unión círculo-cuadrado.

  • los  trébol de cuatro hojas:  símbolo de singularidad, rareza, suerte, belleza. En el centro del Logo representa las 4 áreas más significativas del Camino:  naturaleza, arte, espiritualidad , hospitalidad . 

  • los  estrellas:  símbolo del Macrocosmos y del Microcosmos, la estrella combina toda la creación en un solo signo, que es el conjunto de procesos en los que se basa el Cosmos. Los 5 puntos simbolizan los 5 elementos metafísicos: agua, aire, fuego, tierra, espíritu . Son como las 12 estrellas que coronan la cabeza de María , la Mujer del Apocalipsis que aplasta la cabeza de la Serpiente. 12 como las estrellas de la bandera de la Comunidad Europea.

  • Bani di Ardesio

4.jpg

Inerpicandosi lungo i tortuosi tornanti seguendo la diramazione della Valle Seriana, nel parco delle orobie bergamasche, all’altezza di Ardesio, nella valle laterale di Valcanale, si approda oltre il tempo, in una borgata ancora di sapore antico, remoto, quasi da fiaba. Siamo a Bani di Ardesio, ottanta abitanti e un pugno di case antiche arroccate intorno al proprio campanile.

Si rimane senza fiato: cielo terso e aperto, roccia vivida sovrastante, pianori inondati dal sole, viuzze scavate tra le fessure delle case, cortili che emergono come specchi tra le lobbie con i panni stesi, mulattiere che si inoltrano lungo il costone e sembrano scomparire.

Qui la vita ha il ritmo antico della pazienza, dell’attesa, del senso del ritorno.

Bani è collegata da una strada che si stacca da quella principale di collegamento tra il capoluogo e Valcanale, si erge a 1.025 m. di altitudine. Situata alle pendici dell’omonimo monte, gode di una posizione paesaggisticamente incantevole.

Le abitazioni delle frazione sono molto vicine e quindi il piccolo paese è formato da un'unica contrada ovvero Bani, la popolazione composta da 87 abitanti, è concentrata soprattutto intorno alla parrocchia che dista 4,5 km dal capoluogo del comune. Alla frazione di Bani una volta faceva parte anche la località di Foppa, ora completamente disabitata.

A Bani di Ardesio si celebra ad agosto la festività della madonna della cintura. dicono i documenti: “la festa della madonna della cintura viene celebrata la prima domenica dopo il 28 agosto, data in cui la chiesa fa memoria di Sant’Agostino.

La devozione alla Vergine della cintura, secondo la tradizione, è nata dal desiderio di Santa Monica, mamma di Sant’Agostino, di imitare Maria anche nel modo di vestire: Monica infatti avrebbe chiesto alla Madonna di farle conoscere quale era il suo abbigliamento durante la sua vedovanza e, soprattutto, come vestiva dopo l’ascesa al cielo di Gesù. La Vergine, accontentandola, le apparve letteralmente coperta da un’ampia veste di stoffa dozzinale, dal taglio semplice e di colore molto scuro, ossia in un abito totalmente dimesso e decisamente penitenziale.

Tale veste era stretta in vita da una rozza cintura in pelle che scendeva quasi fino a terra. Maria, slacciatasi la cintura, la porse a Monica raccomandandosi di portarla sempre e le chiese di invitare tutti coloro che desideravano il suo particolare patrocinio ad indossarla.

La Madonna della cintura di bani è una delle statue dette “madonne vestite“, introdotte dagli spagnoli nel ‘500 e diffuse in tutto il nord Italia.